Lamezia Terme – Osservatorio Climatico Ambientale

lamezia_map

Regione: CALABRIA

Posizione: Lat: 40°3N, Long: 16°1E, 50 m asl

Descrizione del sito di misura

La stazione di Lamezia Terme del CNR-ISAC è ubicata in posizione isolata e strategica a 600 m dalla linea di costa nell’ampia pianura di Lamezia Terme, allo sbocco dell’unica valle della Calabria che mette in comunicazione il Tirreno con lo Ionio.

L’orografia complessa e la forma lunga e stretta della penisola calabrese creano una interazione complessa del sistema di brezza che si sviluppa perpendicolarmente alle due coste con la circolazione sinottica, prevalentemente occidentale. In particolare, le brezze da mare assumono una direzione prevalente da W-WSW, mentre quelle di terra una direzione prevalente da E-ENE. Il sistema di brezza è caratterizzato da una ciclicità stagionale modulata dal gradiente di temperatura fra il mare e la terraferma oltre che dalla circolazione sinottica (prevalente nel determinare la circolazione locale da solo nel tardo autunno ed in inverno). In particolare, mentre durante l’estate, è favorito l’instaurarsi di forti brezze da mare durante il giorno durante l’inverno è favorito l’instaurarsi, nelle ore notturne, di intense brezze da terra. E’ stato inoltre dimostrato come il sistema di brezza domini la circolazione atmosferica locale a Lamezia Terme ed abbia un ruolo non trascurabile della definizione delle caratteristiche climatiche locali.

L’area è interessata da emissioni di inquinanti dal settore trasporti, (aeroporto, le rotte delle navi da/per Gioia Tauro, traffico locale e autostradale) e dalla combustione domestica e agricola oltre che dalla deposizione di particolato di origine naturale come le sabbie Sahariane ed il particolato vulcanico proveniente dai due principali vulcani attivi nel Mediterraneo (lo Stromboli e l’Etna localizzati rispettivamente a 80 km ovest e circa 200 km sud-est dal sito di misura). Dunque lo studio della circolazione atmosferica assume una particolare rilevanza anche ai fini della caratterizzazione della variabilità della composizione dell’atmosfera, per studi di fattibilità inerenti le energie rinnovabili (solare ed eolico) e per la caratterizzazione del territorio costiero per la prevenzione di incendi ed erosione.

Principali Risultati Scientifici:

I principali risultati scientifici ottenuti negli ultimi anni presso il sito di potenziamento di Lamezia Terme, riguardano lo studio della variabilità della circolazione atmosferica con particolare riferimento allo studio del sistema di brezze costiere (Federico et al., 2010a, b; Lo Feudo et al., 2010), allo sviluppo della struttura verticale dello strato limite planetario costiero e dei profili di vento in diversi regimi atmosferici (Wagner et al., 2010).

Riferimenti bibliografici:

Federico S., Pasqualoni L., Semprevi-va A. M., De Leo, L., Avolio E., Calidonna, C. R., and Bellecci, C.: The seasonal characteristics of the breeze circulation at a coastal Mediterranean site in South Italy, Adv. Sci. Res., 4, 47-56, doi:10.5194/asr-4-47-2010, 2010a.

Federico, S., Pasqualoni, L., De Leo, L., Bellecci, C.: A study of the breeze circulation during summer and fall 2008 in Calabria, Italy, Atmospheric Research, 97, 1–2, 1-13, 2010b.

Lo Feudo T., C. Calidonna, A. M. Sempreviva, M. Courtney, L. De Leo, S. Federico, R. Wagner, and C. Bellecci: Flow evolution at a coastal site in the Central Mediterranean, Proceeding ISARS 2010.

Wagner R.,  C. Calidonna, M. Courtney, Lo Feudo, L. De Leo, A. M. Sempreviva: 2010 Use of Doppler LIDAR for measuring the vertical profiles of wind speed at a coastal site Poster. ISARS 2010, International Symposium for the Advancement of Boundary Layer Remote Sensing, Paris, France,  28-30 June 2010.June 2010.

Email This Page
Print Friendly